BAFTA, vince Nomadland

La 74esima edizione dei BAFTA Awards, i tradizionali premi assegnati dalla British Academy of Film and Television Arts, si è svolta in due parti, con i candidati collegati in remoto e i premianti alla Royal Albert Hall di Londra. Sabato 10 aprile sono stati annunciati otto riconoscimenti “tecnici”, mentre domenica 11 sono stati svelati i vincitori delle categorie più “popolari”.
Anche in questa occasione è Nomadland ad aver portato a casa i premi più importanti. Il frontrunner dei prossimi Oscar, già Leone d’Oro alla Mostra di Venezia e vincitore di quasi tutti i riconoscimenti della Awards Season, ha ricevuto quattro BAFTA: miglior film, miglior regia (Chloé Zhao), miglior attrice (Frances McDormand) e miglior fotografia (Joshua James Richards).
A Una donna promettente diretto dall’esordiente Emerald Fennell – che con Zhao è una delle due donne in gara per l’Oscar come miglior regista – sono andate le statuette per il miglior film britannico e per la miglior sceneggiatura originale.

Bo Burnham e Carey Mulligan in Una donna promettente. A Focus Features release.Credit: Merie Weismiller Wallace / Focus Features

Per la sua interpretazione in The Father, la gloria nazionale Anthony Hopkins ha superato a sorpresa il favorito Chadwick Boseman nella categoria del miglior attore. Al film è stata assegnato anche il BAFTA per la miglior sceneggiatura non originale. Nessuna sorpresa sul fronte dei non protagonisti: vincono Daniel Kaluuya per Judas and the Black Messiah e Yuh Jung-Youn per Minari.
Un altro giro è il miglior film straniero, a Soul le statuetta per il miglior film d’animazione e la miglior colonna sonora, Il mio amico in fondo al mare prevale come miglior documentario. Remi Weekes, autore dell’horror His House, vince nella categoria del miglior debutto britannico, la miglior stella emergente è l’attrice Bukky Bakray di Rocks (che vince anche per il miglior casting).
Due BAFTA a Ma’ Rainey’s Black Bottom (costumi e trucco) e Sound of Metal (montaggio e suono), una a testa a Mank (scenografia) e Tenet (effetti speciali). Il BAFTA Fellowship, sorta di premio alla carriera, è stato assegnato ad Ang Lee.
L’articolo BAFTA, vince Nomadland proviene da Cinematografo.




Leggi la notizia completa