European Film Awards: il trionfo di Quo Vadis, Aida?, Sorrentino resta a mani vuote

Si sono conclusi gli European Film Awards, importante evento cinematografico che premia ogni anno i migliori artisti europei. Un premio piuttosto ambito, che in molti hanno a più riprese definito gli Oscar europei e che nasce nel 1988 a Berlino. Siamo dunque alla 34ª edizione, quest’anno svoltasi solo parzialmente dal vivo a causa delle norme vigenti per la pandemia.

La cerimonia infatti si è tenuta con i presentatori presenti in teatro, mentre i nominati per le varie categorie hanno seguito le premiazioni in collegamento. Quest’anno la conduzione della cerimonia è stata affidata ad Annabelle Mandeng, attrice tedesca conosciuta, tra gli altri lavori, per Vikings: Valhalla.

Quest’anno per l’Italia è stato presente Paolo Sorrentino, che ha ricevuto ben tre candidature con È stata la mano di Dio – esattamente per miglior film, miglior regista e miglior sceneggiatura. Purtroppo però non è riuscito a portarsi a casa nessuno di questi premi, battuto da Jasmila Žbanić e  il suo Quo Vadis, Aida? Per il miglior film e miglior regista, mentre la miglior sceneggiatura è andata a Florian Zeller e Christopher Hampton per The Father. Quest’ultimo ha visto trionfare anche il suo attore protagonista, Anthony Hopkins. 

Un’amara sconfitta dunque per l’Italia, che ha comunque già ottenuto un riconoscimento, precisamente il Leone d’oro alla 78ª edizione della mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. 

Di seguito trovate tutti i vincitori di quest’edizione degli European Film Awards.

Film europeoQuo Vadis, Aida?, Jasmila Žbanić

Regista europeo
Jasmila Žbanić – Quo Vadis, Aida?

Attore europeo
Anthony Hopkins – The Father

Scoperta europea – premio FIPRESCIPromising Young Woman, dir: Emerald Fennell

Sceneggiatura europea
Florian Zeller & Christopher Hampton – The Father

Attrice europea
Jasna Đuričić – Quo Vadis, Aida?

Documentario europeoFlee, dir: Jonas Poher Rasmussen

Commedia europeaNinjababy, dir: Yngvild Sve Flikke

Film d’animazione europeoFlee, dir: Jonas Poher Rasmussen

Cortometraggio europeoMy Uncle Tudor, dir: Olga Lucovnicova

Fotografia
Crystel Fournier – Great Freedom

Montaggio 
Mukharam Kabulova – Unclenching The Fists

Scenografia
Marton Agh – Natural Light

Costumi
Michael O’Connor – Ammonite

Make-Up
Flore Masson, Olivier Alfonso, Antoine Mancini – Titane

Colonna sonora
Nils Petter Molvaer, Peter Brotz-Mann – Great Freedom

SuonoGisle Tveito, Gustaf Berger – The Innocents

Effetti Visivi
Peter Hjorth, Fredrik Nord – Lamb

European University Film AwardFlee, dir: Jonas Poher Rasmussen

EFA per la narrazione innovativa
Steve McQueen – Small Axe

Premio alla carriera
Marta Meszaros

Miglior contributo europeo al cinema mondiale
Susanne Bier

Foto: 

Leggi anche: Oscar 2022, È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino scelto per rappresentare l’Italia




Leggi la notizia completa