Justice League, Ben Affleck rompe il silenzio sul film: «Il punto più basso per me. Atroce»

Non è stata un’esperienza fortunata quella di Justice League, almeno nella versione di Joss Whedon e non solo perché il film stesso è andato così male da spingere i fan a chiedere la  Snyder’s Cut. Anche Ben Affleck, proprio in quel frangente, ha iniziato a mostrare segni di cedimento e alla fine ha preso la difficile decisione di abbandonare il ruolo di Batman per affrontare un percorso per dalla dipendenza dall’alcool. 

Ad oggi l’attore americano è tornato eccezionalmente sui suoi passi per quanto concerne il suo impegno con il Cavaliere Oscuro. Ha deciso infatti di vestire nuovamente i suoi panni nel nuovo film di Andy Muschietti, dedicato a Flash e in uscita a novembre 2022. Questa però potrebbe davvero essere l’ultima volta, dal momento che Affleck è ben intenzionato a non lavorare più in questo tipo di progetti. Ma, al di là dei suoi problemi personali, qual è stato il punto di rottura per la star? Ne ha parlato apertamente in un’intervista al Los Angeles Times.

«Ho guardato The Batman e ho pensato: “Non sarò felice di farlo, chi lo fa dovrebbe amarlo”. Dovresti sempre volere queste cose, e probabilmente mi sarebbe piaciuto farlo a 32 anni o qualcosa del genere. Ma è stato il punto in cui ho iniziato a capire che non ne valeva la pena. È un meraviglioso vantaggio poter ricalibrare le tue priorità che diventano più importanti dell’esperienza, mi sono sentito più a mio agio. È stato Justice League però il punto più basso per me. È stata una brutta esperienza a causa di una confluenza di cose: la mia vita, il mio divorzio, l’essere troppo lontano e poi la tragedia personale di Zack Snyder (sua figlia si è suicidata nel 2017 N.d.R.) e la ripresa. È stata la peggiore esperienza di sempre. È stato atroce. Era tutto ciò che non mi piaceva. Quello è stato il momento in cui ho detto: “Non lo farò più”. Non era neanche un problema di qualità di Justice League, perché avrebbe potuto essere qualsiasi cosa».

Parte di questi problemi, insomma, è inevitabilmente legata anche alla difficile vicenda del film stesso ed è forse anche per questi motivi che lo stesso Affleck ha sostenuto pubblicamente la decisione di rilasciare la Snyder Cut.

Foto: Warner Bros.

Leggi anche: Justice League, fuori Batman e Superman: ecco chi farà parte del nuovo team secondo un’indiscrezione




Leggi la notizia completa