Torna Video Essay Film Festival

Dopo la positiva accoglienza della prima edizione, la seconda edizione del Video Essay Film Festival (VEFF) sarà una delle principali proposte di Cinema al MAXXI 2021 e si terrà nella seconda metà di giugno.
Il VEFF – organizzato da Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo (SARAS) della Sapienza Università di Roma, Fondazione Cinema per Roma e MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo – è nato per esplorare e promuovere uno dei generi più frequentati on line, una nuova forma di critica, analisi, riflessione sull’audiovisivo realizzata attraverso le immagini e i suoni, ovvero il cinema. Il Concorso, curato da Andrea Minuz e Mario Sesti, sarà rivolto a tutti gli studenti universitari delle accademie e delle scuole di cinema nazionali e internazionali. Ma per il 2021, questo appuntamento unico in Italia aggiunge una nuova sezione: Video Essay – Classic.  In occasione dei cinquant’anni di Arancia meccanica di Stanley Kubrick, infatti, il festival ha deciso di invitare appassionati, studiosi, cinefili e allievi di scuole di cinema e di facoltà universitarie a esercitarsi con un video essay su un film che ha profondamente segnato lo sguardo sulla contemporaneità e anche la libertà e l’innovazione del cinema d’autore.
“L’accoglienza calda e partecipe della serata estiva che lo scorso anno ha visto lo svolgimento nel piazzale del MAXXI del Video Essay Film Festival ci ha spinto a compiere un passo in più nel disegno e nella costruzione di un evento che fa parlare di cinema con il cinema, lega l’ampiezza spettacolare e linguistica del cinema con la vivacità on line dell’attenzione nei confronti dei film, lo studio e l’amore per il grande schermo con i nuovi strumenti che le innovazioni tecnologiche mettono a nostra disposizione” ha detto Mario Sesti.
“La nuova edizione del Video Essay Film Festival ci consente di rinnovare una collaborazione estremamente vitale per l’Università – ha spiegato Andrea Minuz – offrendo agli studenti e a tutti gli appassionati una vetrina di grande importanza. Da quest’anno poi il festival si arricchisce della sezione Video Essay Classic che auspichiamo possa diventare un appuntamento fisso per celebrare, rileggere e ripensare alla luce della nuova cultura audiovisiva i capolavori della storia del cinema”.
Quest’anno i partecipanti potranno:

proporre un saggio critico / video essay (su un autore, un tema, un genere) approfondendo tematiche legate al cinema e alla serialità televisiva contemporanea, focalizzando l’attenzione sul rapporto tra i media e le arti, ma anche scegliendo forme più ludico-sperimentali come re-cut trailer, sweded trailer e mash up;
proporre, con le stesse modalità, un saggio critico / videoessay dedicato ad Arancia meccanica.

I video essay selezionati verranno a far parte così di due sezioni diverse: Concorso (1) e Video Essay Classic (2). In entrambi i casi, il prodotto audiovisivo non dovrà superare il limite massimo di quindici minuti, titoli di testa e di coda inclusi.
Il materiale inviato sarà valutato da una giuria composta da critici, professionisti appartenenti al mondo del cinema, della tv e del web e docenti universitari, che sceglierà, per entrambi le sezioni, tre tra i sei migliori prodotti audiovisivi che saranno infine proiettati nell’ambito del Video Essay Film Festival presso il MAXXI. Le categorie premiate, per ciascuna delle due sezioni, saranno tre: Miglior video essay, Premio per la forma video, Premio per il contenuto essay. Gli autori dei sei video essay selezionati in entrambe le sezioni riceveranno in omaggio l’accredito della prossima edizione della Festa del Cinema di Roma, mentre i vincitori (Miglior video essay) avranno in aggiunta l’abbonamento annuale per il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.
COME PARTECIPARE
Per leggere il regolamento e partecipare al concorso: https://my.romacinemafest.org/it/submissiondoc/
Il bando è online dal 25 gennaio. I materiali potranno essere caricati dal 15 febbraio al 23 maggio.
 
L’articolo Torna Video Essay Film Festival proviene da Cinematografo.




Leggi la notizia completa