Venezia omaggia Dino Risi

A Venezia Classici, per la rassegna dei film restaurati, domani sabato 3 settembre avrà luogo la proiezione di 1848, l’inedito cortometraggio di Dino Risi proposto da Centro Sperimentale di Cinematografia- Archivio Nazionale Cinema d’Impresa.
1848 è il cortometraggio (11’, bianco/nero) che Risi realizzò nel 1949 per il Comitato Milanese per le celebrazioni del centenario delle Cinque  giornate di Milano. Il regista si avvalse della collaborazione di importanti personalità della cultura meneghina come Giorgio Strehler, Alberto Lattuada e lo scrittore Mario Bonfantini.
Lucia Bosè in 1848
Il film si apre con la prova generale di un balletto alla Scala alla presenza di pochi militari austriaci. Una Milano deserta è rotta dall’urlo di un bambino: “A fuoco la città”. Iniziano le ‘Cinque giornate di Milano’, l’insurrezione avvenuta tra il 18 e il 22 marzo 1848 per liberarsi dalla dominazione austriaca del Regno Lombardo-Veneto.
Risi ricostruisce con minimi mezzi e grandissima inventiva drammaturgica la rivolta popolare a cui partecipano tutti: intellettuali, donne, seminaristi, bambini, contadini . Una straordinaria, bella e battagliera Lucia Bosè è qui al suo debutto cinematografico.  Stefano Rulli, Presidente di CSC-Cineteca Nazionale, sottolinea che “Compito di un’istituzione come il Centro Sperimentale di Cinematografia è quello di riscoprire il proprio passato identitario-nazionale attraverso dei tesori che sino ad oggi si ritenevano perduti. Grazie all’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa di Ivrea si potrà ora vedere il cortometraggio di Dino Risi”.
I materiali filmici sono stati ritrovati nell’archivio storico della Veneranda Fabbrica del Duomo. Per realizzarne il restauro digitale si è partiti dal lavaggio del negativo scena e del negativo colonna.
Alla proiezione di 1848, segue Profumo di donna, tratto dal romanzo Il buio e il miele di Giovanni Arpino,  uno dei migliori film di Dino Risi di cui si ricorda il remake americano con Al Pacino. Tutta la vicenda ruota attorno al capitano Fausto Consolo, uomo duro e scontroso, rimasto cieco per un incidente durante un’esercitazione militare. È il personaggio reso indimenticabile da Vittorio Gassman. Lo stesso Risi dichiarò in proposito che “Gassman fu al suo massimo – soprattutto nel rendere il ‘non sguardo’ del cieco. Eccolo, il mio impegno: storie forti, tratte da una letteratura italiana contemporanea che scava apprezzabilmente senza retorica né banalità nei nostri egoismi borghesi”.
Profumo di donna
Il restauro è stato curato dal CSC-Cineteca Nazionale e dall’Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con Dean Film, la scansione digitale a 4K realizzata presso l’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa di Ivrea.
L’articolo Venezia omaggia Dino Risi sembra essere il primo su Cinematografo.




Leggi la notizia completa